la plastica nel piatto

secondo una recente ricerca del WWF, ogni anno ciascuno di noi ingerisce una dose di microplastiche non inferiore a 250 grammi; una bistecca di plastica ! queste minuscole particelle sicuramente tossiche per l’organismo sono contenute nell’acqua che beviamo, sia di rubinetto che in bottiglia, nei cibi che mangiamo, soprattutto quelli appartenenti a processi produttivi e catene alimentari più esposti alla contaminazione; in particolare il rapporto segnala i crostacei ed i molluschi che assorbono le microplastiche dalle acque marine che ne sono piene, ma anche il sale. L’ennesimo allarme per la salute umana, piegata agli interessi dell’industria del settore ed alla complicità del legislatore. Terni, con la produzione d’avanguardia delle bioplastiche della Novamont, può diventare il cuore della produzione nazionale di nuove plastiche, compatibili con l’ambiente e rispettose della salute umana. una grande e storica occasione da non sprecare.

Lascia un commento