Si è svolta ieri, 30 maggio, a Palazzo Mazzancolli, la Conferenza di apertura del Festival dello sviluppo sostenibile, organizzato dall’Associazione culturale “Pensare il domani” e dal Cesvol, insieme a numerosi altri soggetti.

La Conferenza, con la partecipazione di rappresentanti delle
imprese già attive in tali campi, ha affrontato il tema centrale delle nuove economie dello sviluppo sostenibile, in un confronto che ha visto impegnati anche i Sindacati provinciali.

Dopo la introduzione del Presidente di Pensare il domani, Giacomo Porrazzini che ha sottolineato l’importanza del fare rete fra diversi soggetti per affrontare la sfida della sostenibilità dello sviluppo, anche a livello locale, sono intervenuti i rappresentanti del mondo del lavoro e delle imprese già “sostenibili” che hanno illustrato i percorsi che le hanno portate ad una tale classificazione, i programmi per il futuro, compresi i rapporti con il territorio.

Daniela Riganelli per Novamont, azienda leader nel campo della bioeconomia e Federica Meloni per Tarkett, azienda attiva nel campo della chimica verde, certificata ecosostenibile al 100%, insieme a Sauro Pellerucci, Presidente di Pagine Sí ed al Presidente della Camera di Commercio Flamini, in rappresentanza del complesso delle piccole e medie imprese ternane, hanno evidenziato le grandi potenzialità di un modello economico e produttivo basato sulla sostenibilità per la crescita dell’occupazione, del PIL, del BES e della produttività dell’intero sistema locale.

Cristina Montesi si è soffermata sul carattere sistemico delle nuove economie “a colori”, sottolineando il valore dell’economia civile.

I segretari di CGIL, CISL e UIL, Romanelli, Marcelli e Venturi hanno illustrato la piattaforma unitaria per il nuovo sviluppo del territorio, evidenziando come la sostenibilità della attività produttive può far crescere le imprese, l’occupazione e tutelare meglio il lavoro.

A Conclusione dei lavori Marco
Caprai, in rappresentanza di Symbola, la Fondazione che valorizza il marchio Italia, nel segno della qualità e della sostenibilità, ha descritto il percorso compiuto dalla sua Azienda vitivinicola per affermarsi nel mercato mondiale dei vini di alta qualità e lo stato dell’arte nella crescita di piccole e medie imprese italiane, operanti in vari campi e tutte leader nella innovazione improntata alla sostenibilità ed alla qualità.

Il prossimo appuntamento del Festival sarà per l’8 giugno, presso l’Hotel Michelangelo, con una iniziativa promossa insieme al Centro Studi Ezio Vanoni e dedicata ad un confronto fra le indicazioni, per la sostenibilità, contenute ell’Agenda ONU 2030 e nella Enciclica di Papa Francesco “Laudato Si’ “; sarà presente anche l’ex Ministro dell’ambiente Edo Ronchi.

La conclusione a Narni, il 13 giugno, con una iniziativa promossa insieme all’Associazione Ennedinarni, per un approfondimento sugli indicatori della sostenibilità, sia a livello nazionale che regionale e per una riflessione sugli effetti che un grande progetto di rigenerazione urbana, basato sulla sostenibilità può avere per l’occupazione e per la creazione di benessere economico e sociale.

Lascia un commento